We use cookies to ensure you get the best user experience from our website. If you continue without changing your settings, we will assume that you are happy to receive all cookies on this website.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand
We use cookies to ensure you get the best user experience from the Skribbies website. If you continue without changing your settings, we will assume that you are happy to receive all cookies on this website. We do not sell or share any information collected by cookies, nor do we disclose the information to third parties, except where required by law (for example to government bodies and law enforcement agencies). WHAT COOKIES WE USE ON OUR WEBSITE Anonymous Analytics Cookies: Analytics provide us with key information about anonymous user behaviour. Whenever a user visits our website, web analytics software provided by a third party generates an anonymous analytics cookie. These help us find out whether or not you have visited our website before, how many individual unique users visit the site, what pages they look at most frequently etc. Social Website Cookies: Our website allows you to share content on social media networks like Facebook and Twitter. This functionality is enabled via the use of third party cookies. In this case, privacy implications vary and depend on the privacy settings you have chosen when registering with the social media sites. Our site enables sharing through Facebook, Twitter and ShareThis. Session Cookies: Session cookies are used for users’ movement through the website. They allow you to proceed through many pages of the site quickly and easily without having to authenticate or reprocess each new area you visit. Session cookies are not stored on your computer and they will expire when you close your web browser. Geo-targeting Cookies: Our website allows purchases to be made worldwide. In order to display the correct prices and content to users around the world, we use geo-targeting cookies to identify what country is your web browser request sent from.

Bach incontra i Beatles

Strumentisti dell’Orchestra Sinfonica Nazionale RAI

Bach incontra i beatles

L’idea di “contaminare” la musica di Bach con quella dei Beatles, dati i 300 anni che separano i loro linguaggi, è meno azzardata di quello che può sembrare: entrambi sono stati ispirati dall’amore e da quella passione che da sempre accompagna l’essere umano. Il primo, uomo di profonda fede, intende ringraziare il Dio che lo ispira e che regola il cosmo e tutte le sue creature; gli altri cantano passioni meno spirituali ma altrettanto importanti. Bach sosteneva: “dove c’è musica non ci può essere malvagità”, crediamo che anche i quattro di Liverpool condividessero quest’affermazione.

Read more...

Polincontri classica

24/10/2011 - CONCERTO

Otto Violoncelli - F. De Donatis, G. Arpinati, M. Barrera, A. Capellaro, U. Clerici, P. Perardi, C. Ravetto, M. Zigante, con la partecipazione del soprano Laura Lanfranchi

Read more...

La multivisione di Palazzo Madama

La città è un organismo vivente che nasce, cresce e si trasforma. Prima al mondo, Torino offre uno spettacolo che mostra dove e come è nata. Quando e quanto è cresciuta. Perché oggi è così. Lo spettacolo multivisivo Torino: storia di una città si fonda sul presupposto che la città presente contenga tutti i suoi passati e ne ricostruisce la storia attraverso i suoi luoghi più significativi, che ancora oggi rappresentano e contengono la sua storia.

Read more...

Carola Cora a Torino

Carola Cora a Torino: Una voce profonda fino all'anima.
Foto: Lorenza Cattadori

Jazz ConventionCarola Cora: voce
Andrea Ravizza: piano
Loris Bertot: contrabbasso
GianPaolo Petrini: batteria
Gianpiero Lo Bello: tromba


Jazz Convention Domanda retorica per i lettori di Jazz Convention, ma vediamo: alla parola ‘aperijazz", o "aperitivo in jazz", oppure anche "jazz aperitivo", quale potrebbe essere la parte evocativa prevalente, o il meccanismo primario e istintivo che fa scattare la scelta di essere presenti a questo genere di evento?
Read more...

Fare gli Italiani - 150 anni di storia nazionale

Fare gli ItalianiLa mostra racconta la storia dell’Italia dall’Unità nazionale a oggi: non una successione di avvenimenti, ma una storia di persone. I protagonisti sono gli Italiani, considerati nella loro diversità e raccontati in tutte quelle fasi che li hanno visti unirsi in un sentimento di comune appartenenza. Queste tappe fanno parte di un percorso lungo 150 anni durante il quale “siamo diventati italiani”.

Read more...

Moncalieri Jazz Summer 2010

Come Umbria Jazz anche Moncalieri Jazz ha deciso di proporre una versione estiva del proprio festival (Umbria Jazz, che si svolge d’estate, ha infatti aggiunto solo da qualche anno la versione invernale). Dopo 12 anni di meritato successo, ha preso così il via, martedì 8 giugno, il Moncalieri Jazz Summer Festival 2010.

Ospitata nel Castello Reale di Moncalieri, la manifestazione è stata aperta dalle Voci di Corridoio, gruppo vocale di 5 elementi dedito a proporre ormai da molti anni lo swing e la musica d’autore italiana. Hanno presentato “Edizione straordinaria”, loro ultimo cd, alternandolo a pezzi di Gorni Kramer, Lelio Luttazzi ed a canzoni del loro gruppo di riferimento, naturalmente: il Quartetto Cetra. Una grande emozione si è toccata quando sono stati invitati a salire sul palco i figli dei componenti dei Cetra. Special guest della serata, presentata da Dario Salvatori, sono stati poi, tra gli altri, Fabrizio Bosso e Francesco Cafiso.

Il secondo appuntamento del festival era, mercoledì 10, con “Cine & jazz”, un concerto dedicato allo stretto rapporto che c’è tra il jazz e la Settima Arte dall’Orchestra Sinfonica Nazionale Rai diretta da Carlo Boccadoro, solisti Fabrizio Bosso alla tromba e Francesco Cafiso al sax. Presentata sempre da Dario Salvatori, l’Orchestra ha eseguito quanto di meglio il jazz ha dato al cinema: dopo un medley iniziale grande suggestione per “Georgia on my Mind” - pezzo indimenticabile di Gorrell e Carmichael, compreso anche nello score di “Ray”, film sulla vita di Ray Charles - si prosegue con “Walkin’” del grande Miles Davis. A seguire il medley “Lover Man – I’ll Remember April”, da “Bird”, celebre cinebiografia di Charlie Parker diretta da Eastwood, con Cafiso splendido nell’assolo al sax. Tanti altri sono stati i brani memorabili in scaletta: “As Time Goes By” da “Casablanca”; “Summertime”, da “Porgy and Bess”, con una esecuzione sublime di Fabrizio Bosso alla tromba; “Nuovo Cinema Paradiso”, “Giant Steps” di John Coltrane, la fascinosa “’Round Midnight” di Thelonious Monk. L’atmosfera che si è creata era davvero di rara bellezza, grazie al contributo fondamentale dell’Orchestra Rai ed agli arrangiamenti di Andrea Ravizza.

Grande successo giovedì 10 anche per Massimo Lopez, in veste di cantante, che, con la Big Band Jazz Company diretta da Gabriele Comeglio, ha presentato “Ciao Frankie”, affettuoso tributo a “The Voice” Frank Sinatra. L’indimenticabile Frank è stato ricordato con i suoi più grandi successi - “Night and Day”, “Under My Skin”, “Somethin’ Stupid”, “That’s Life” e naturalmente “My Way” e “New York, New York” - alternati ad imitazioni memorabili dello stesso Lopez (quelle su papa Ratzinger, Tremonti, Prodi, Di Pietro sono da antologia) ed a gag irresistibili con la complicità di Giuliano Chiarello. Il tutto per una serata di eleganza e swing in cui Lopez e la sua orchestra hanno offerto un degno tributo a Frankie “Blue Eyes”.

Venerdì 11 è stata la volta di Billy Cobham con il suo show “Jazz - Fusion”. Il grande batterista - esponente di spicco del genere fusion o jazz–rock, autore del disco-manifesto della fusion “Spectrum”, riferimento per tantissimi musicisti - ha suonato per quasi due ore, coadiuvato da una band di affiatati musicisti ed offrendo una performance di grande livello, dimostrando che il tempo non ha scalfito minimamente le sue doti di infaticabile drummer.

FortissimoLa chiusura del festival, sabato 12, era affidata a “Tango e dintorni”, un concerto, condotto da Ciro Imparato, con l’Orchestra Ritmo-Sinfonica Agimus, diretta da Andrea Ravizza, affiancata dal sestetto Renacerò e dai ballerini Los Hermanos Macana, Sarita Goyas e Ricardo Labriola. Il tema del concerto è stato il tango con un grande omaggio ad Astor Piazzola, maggior interprete della musica che accompagna quella danza bellissima sensuale e un po’ malinconica che è il tango. La peculiarità del concerto è stata - oltre a presentare i brani più famosi di Piazzola come “Adios Nonino”, “Milonga del Angel”, “Fracanapa” e, naturalmente, “Libertango”, il suo pezzo più famoso - quella di fondere quattro arti: musica, danza, cinema e letteratura. Lo spettacolo è stato così molto coinvolgente e il pubblico ha mostrato di apprezzarlo molto, grazie a tutti i musicisti e i ballerini che si esibivano, assai bravi nel creare un’atmosfera suggestiva e di grande feeling, “alla Buenos Aires”. Perché il tango è “un pensiero triste che si balla”, diceva Astor Piazzola. Il merito maggiore della riuscita della serata va riconosciuto al direttore Ravizza e ad Ugo Viola, fisarmonicista del sestetto Renacerò e direttore artistico di Moncalieri Jazz, vera anima di questo festival prestigioso sempre più quotato nel panorama dei jazz festival italiani.

Edizioni precedenti: Musiche da Film
Articolo originale di Pagina.to.it

Read more...
Music is life. Enjoy music, enjoy life.

Log in or Sign up