Questo sito utilizza i cookie.

Clicca su approvo per continuare la navigazione. Per saperne di piu'

Approvo
Questi dati vengono raccolti esclusivamente per assicurarci che il sito sia funzionante e navigabile in modo corretto. Per questo non raccogliamo alcun dato per fini commerciali né per l’identificazione dell'utente, che resta quindi anonimo. Non vengono raccolti né inviati dati ad alcun gestore esterno o società di pubblicità. Informazioni di questo tipo sono presenti in appositi log e possono essere comunicate solo all'autorità giudiziaria, nel casi previsti dalla legge.

Orchestre protagoniste al Moncalieri Jazz 2008

Marshall Allen, Gianluca Petrella e l'Orchestra Sinfonica della Rai di Torino protagonisti, con un formidabile finale dedicato a "The Voice" Frank Sinatra
Si è concluso domenica 16 novembre all’Auditorium Rai di Torino, con un concerto-tributo a Frank Sinatra, il Moncalieri Jazz 2008.
Giunto all’undicesima edizione, il festival si era aperto sabato 1° novembre con la "notte nera del jazz", musica e sapori nel centro di Moncalieri, con 200 jazzisti e concerto finale dei Funk Off. Diverse belle iniziative si sono svolte in attesa del clou finale della manifestazione, tra cui il concorso "Premio incroci sonori" che aveva come obiettivo di presentare, valorizzare e premiare i nuovi talenti emergenti del jazz italiano.

Dal 14 al 16 il Moncalieri Jazz 2008 è entrato nel vivo. Filo conduttore delle tre serate sono state le orchestre. La prima, venerdì 14, ha visto esibirsi alle Fonderie Limone la Sun Ra Arkestra. Orfana del suo creatore - Sun Ra, appunto, morto nel 1993 - era diretta da Marshall Allen, un band leader ottantenne davvero in ottima forma.

Difficile e semplice al tempo stesso descrivere la loro musica. Piuttosto free, con divagazioni nell’elettronica, hanno caratteristiche simili all’Art Ensemble of Chicago di Lester Bowie. Marshall Allen ha saputo dare ed ottenere dai suoi musicisti (ben 13 sul palco) una performance di alto livello. I costumi sontuosi e coloratissimi facevano da cornice scenica a questa orchestra pirotecnica. Alcuni degli orchestrali sono scesi dal palco creando un fuori programma molto apprezzato dal pubblico che dopo un’ora e mezza di ottima musica ne ha decretato il successo.

Nella seconda serata, sabato 15, sempre alle Fonderie Limone, il palcoscenico era per Gianluca Petrella Cosmic Band. Petrella è il trombonista leader del gruppo che è stato premiato dalla rivista "bibbia" del jazz «Down Beat», per ben due anni consecutivi, miglior trombonista al mondo. Questa band è nata per celebrare Sun Ra; composta da musicisti giovanissimi, ha suonato alle Limone per circa un'ora e mezza affrontando prevalentemente il repertorio di Sun Ra, alternando free a sonorità vicine a Duke Ellington. Improvvisazione e divertimento fanno di questa orchestra un laboratorio di idee esplosive.

La chiusura del Moncalieri Jazz 2008, domenica 16, era in trasferta all’Auditorium Rai Toscanini di Torino per "The Concert of Memory of Frank Sinatra - 10 Years Later": così il festival ha celebrato la conclusione di quest’anno dedicandola a The Voice, di cui ricorrono i dieci anni dalla morte. The Voice, ossia Frank Sinatra, crooner carismatico e mai dimenticato, una delle migliori voci che il '900 abbia mai espresso. L’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, generalmente dedita al repertorio classico, ha accettato di prestarsi a questa incursione nei territori del jazz. Supportata dalla "house band" composta da sette musicisti jazz, l’Orchestra della Rai diretta da Giancarlo Gazzoni ha accompagnato "Voice for Voice", ovvero Larry Franco, Emma Re e Ray Gelato.
Il concerto-evento è stato presentato da Dario Salvatori, grande critico musicale, con la collaborazione di Radio-Scrigno Radio-Rai. I tre cantanti si sono alternati sul palco eseguendo diversi standard di Sinatra. Emma Re - voce molto calda con una timbrica ed un fraseggio sorprendenti - ha cantato magistralmente "The Lady is a Tramp", seguita da "Under My Skin". Poi Larry Franco e Ray Gelato hanno cantato "Stormy Weather" e "Night and Day" del grande Cole Porter, più altri standard. Non potevano mancare alla fine del concerto "New York, New York" e "My Way", in duetti molto vivaci. Gli arrangiamenti di Andrea Ravizza, molto bravo ad amalgamare il tutto con sapiente maestria, hanno contribuito a rendere questo evento unico.

In sala era presente un delegazione di Lercara Friddi, località in provincia di Palermo, paese di nascita dei Sinatra. Il bilancio è sicuramente positivo per il Moncalieri Jazz 2008, diventato ormai una dei più importanti festival italiani. Una manifestazione fortemente voluta e organizzata da un "instancabile appassionato", Ugo Viola, ideatore e direttore, coadiuvato da una squadra di fedelissimi composta da Toni Lama, Marco Viola, Giorgio Cremona. Moncalieri Jazz dà quindi appuntamento al 2009 per la sua dodicesima edizione.

Fonte Sports and cinema; link all'articolo originale

Devi effettuare il login per inviare commenti
La musica è vita. Godete della musica, godete della vita.

Log in or Sign up