Questo sito utilizza i cookie.

Clicca su approvo per continuare la navigazione. Per saperne di piu'

Approvo
Questi dati vengono raccolti esclusivamente per assicurarci che il sito sia funzionante e navigabile in modo corretto. Per questo non raccogliamo alcun dato per fini commerciali né per l’identificazione dell'utente, che resta quindi anonimo. Non vengono raccolti né inviati dati ad alcun gestore esterno o società di pubblicità. Informazioni di questo tipo sono presenti in appositi log e possono essere comunicate solo all'autorità giudiziaria, nel casi previsti dalla legge.

I Musici di Santa Pelagia - Musica Barocca ’700 Inglese

Venerdì 22 Maggio 2009

Concerto alle ore 21 inserito nella stagione musicale firmata Agimus Moncalieri.

I Musici di Santa PelagiaLe Sinfonie proposte fanno parte di una serie di composizioni tratte da preludi d’opere, masques e odi in onore dei reali e denotano un possente carattere di modernità unito ad una forte personalità inglese. William Boyce nacque a Londra nel 1711 da John Boyce e sua moglie Elisabeth.
Musicista di elevato valore artistico, organista, direttore, compositore di musica sacra e profana, storiografo ed infine anche editore; William iniziò la sua educazione musicale all’età di 12 anni quando fu scelto come corista a St. Paul sotto la direzione di Charles King; conseguentemente al cambiamento di voce divenne poi allievo del famoso compositore Maurice Greene, a quel tempo organista della cattedrale, che fece di lui il suo pupillo.

All’età di 24 anni, il giovane Boyce fu organista presso la Oxford Chapel; in seguito anche in altre chiese per giungere infine alla prestigiosa Chapel Royal dove prestò questo servizio per ben 11 anni. Fu qui che si distinse già dal 1736 anche come compositore creando parecchi brani di musica liturgica e alcuni dei suoi più importanti “anthems” (tra questi non si possono dimenticare i tre volumi della Cathedral Music), anche se è bene evidenziare che Boyce non si distinse principalmente in questo campo in quanto, pur esprimendosi con grande professionismo,  a queste composizioni, fatta eccezione per qualcuna, manca un grande fervore religioso, probabilmente anche a causa di una mancanza di ispirazione per la Chiesa Anglicana di quel periodo.

Di grande fama sono invece le sue sinfonie e le sonate in trio che, secondo lo storiografo Burney, “furono eseguite ed ammirate più di ogni altra produzione del genere, ad eccezione delle sonate di Corelli”. Esse costituiscono infatti il repertorio inglese dell’epoca più eseguito ed inciso: furono impiegate come arie nelle rappresentazioni teatrali e promosse anche da parecchie personalità dell’epoca tra cui i proprietari di famosi teatri come quello di Covent Garden.
Alla sua morte, che avvenne nel 1779 all’età di 67 anni, le sue spoglie, accompagnate dai cori della Chapel Royal, Westminster Abbey e St. Paul Cathedral furono sepolte sotto la cupola di quest’ultima. L’anno successivo alla sua morte, la moglie Hannah, dalla quale ebbe due figli, iniziò a curare le pubblicazioni dei suoi scritti permettendo a noi di fruire delle sue opere, tra le quali molte ancora da scoprire.

Orchestra Barocca  “I Musici di Santa Pelagia” Direttore al cembalo Maurizio Fornero
Per informazioni: Agimus Moncalieri - Strada Genova 166
+39 011 6813130 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi effettuare il login per inviare commenti
La musica è vita. Godete della musica, godete della vita.

Log in or Sign up